I miei articoli

Ho la FOMO! Posso guarire?

A quanti di noi capita, ogni giorno, di buttare l’occhio sui nostri fedeli Smartphone per controllare se abbiamo notifiche dai Social Network? Sapremmo stare anche solo un giorno senza visitare profili, bacheche e messaggi su Facebook, o altri Social?

Non tutti ovviamente dedichiamo la stessa quantità di tempo ai Social. C’è chi si collega nei momenti di pausa dal lavoro, quando si annoia, quando sta aspettando l’autobus o sta facendo file interminabili alla posta. Oppure la sera, come momento di relax prima di andare a dormire, si fa un giro nella piazza virtuale e si “incontra” qualche amico con cui scambiare due chiacchiere.
C’è chi, invece, ha sviluppato un bisogno incoercibile di stare sui Social tanto che non può fare a meno di stare connesso, di essere presente in ogni momento e tenere sotto controllo tutto quello che succede nella propria cerchia di contatti. Qualcuno potrebbe dire che si tratta di un atteggiamento tipicamente adolescenziale. Sicuramente lo ritroviamo nei giovani, ultimamente, però, capita spesso anche ai “grandi” di prendere troppo sul serio la propria partecipazione attiva ai Social. Nasce il pensiero di chi pubblicherà chissà cosa, chi leggerà il proprio post e metterà mi piace, se commenterà. Oppure si ha la curiosità irrefrenabile di leggere quello che ha scritto qualcuno di nostro interesse o qualcuno che proprio non possiamo vedere con cui si è avviata una vera e propria “guerra” a colpi di post e link al vetriolo.

 

Identikit di una nuova ansia

 

La FOMO è l’ansia di sentirsi tagliati fuori da un contesto, da una community, mentre si è impegnati a lavorare, studiare o comunque mentre si è “distratti” dalla vita reale. Fomo è un acronimo che è stato aggiunto all’Oxford English Dictionary nel 2013 e che sta per “Fear of missing out”. È stata descritta per la prima volta dallo psicologo sociale Andrew Przybylski dopo aver sottoposto ad un campione di circa tremila persone tra Stati Uniti, Regno Unito ed India un questionario per valutare sia l’ansia di sentirsi tagliati fuori da una community sia il disagio che nasce dal credere che gli altri, in quel preciso momento, stiano facendo o vivendo qualcosa di più interessante e degno di nota.

 

Come stiamo messi noi?

 

A questo punto chi non è curioso di sapere se è riuscito a sfuggire alla Fomo e non prova nessun disagio se resta per un po’ disconnesso dai Social?
Se abbiamo un po’ di dimestichezza con l’inglese, proviamo a sottoporci al questionario on line www.ratemyfomo.com

 

O forse la risposta la sappiamo già? 😉

 

 

Pamela Serafini

 

 

Fonti
http://www.huffingtonpost.com/2013/05/14/fear-of-missing-out-life-dissatisfaction-fomo_n_3275349.html

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Voglio essere felice

Deponiamo le armi perché lottare con i nostri pensieri, immagini, sensazioni ed emozioni, non risolve il problema. Possiamo, …

Come cambiare a piccoli passi

Quante volte ci ritroviamo a criticarci per tutto? I giorni trascorrono tutti uguali e siamo condizionati dai nostri pensieri …

Gruppi di ascolto e condivisione online

Hai mai sentito il bisogno di confrontarti con altre persone che, come te, vivono quotidianamente con l’ansia e il panico? …